menu

Chi siamo

L'azienda

L’azienda è ormai giunta alla terza generazione: prima degli attuali titolari, l’azienda è stata condotta dal padre e dal nonno. Fino a venticinque anni fa, l’azienda produceva solo frutta, mele e pesche, su una superficie di circa 5 ettari in proprietà, ad oggi ne possiede ben 45 tra proprietà e affitto.

Visto che il rendimento economico del frutteto non era soddisfacente, considerato che l’asparago bianco, era un prodotto di nicchia, ma tradizionale della zona di Pernumia, l'azienda decise di mettere in produzione una asparagiaia su una ridotta superficie aziendale, di circa 2 ettari. Visti gli ottimi risultati, l'impianto di mele venne sostituito con una coltivazione intensiva di asparagi. Per alcuni anni l’azienda si specializzò esclusivamente sull’asparago, al fine di ottenere un prodotto di sempre miglior qualità da commercializzare attraverso i mercati ortofrutticoli.

L’azienda ha maturato una competenza tecnica nella produzione dell’asparago e una capacità di servire i clienti della GDO che le permette di essere altamente competitiva sul mercato. Questo ha richiesto e permesso all’azienda di effettuare un notevole salto di qualità a livello organizzativo, sviluppando una capacità di servizio e di evasione degli ordini funzionale alle esigenze dei clienti.. Inoltre è riuscita ad aumentare la propria efficienza, potendo contare a suo favore anche sulla variabile strategica prezzo nel confronto sul mercato con i concorrenti.

LE SFIDE DEL MERCATO

Capacità di sviluppo in un mercato altamente concorrenziale

Da quando all'inizio degli anni 2000 l’azienda ha deciso di rivolgersi alla GDO, prendendo contatti con una insegna locale (Alì spa), il marchio ha iniziato ad essere riconosciuto e apprezzato sul mercato ed ogni anno sono state acquisite nuova insegne tra i propri clienti; attualmente l’azienda si rivolge prevalentemente alla GDO, le insegne principalmente servite oltre ALI' sono UNICOMM, ASPIAG, METRO, SISA, SMA. L’azienda esporta una piccola parte della produzione all’estero (Germania e Giappone) attraverso una società specializzata nella fornitura alla ristorazione di prodotti Made in Italy e conferisce ai mercati ortofrutticoli all’ingrosso di Treviso, Padova, Mestre, Verona e Milano, ma solo per vendite con prezzo fissato e prodotto già venduto.

Il mercato è altamente concorrenziale: oltre ai concorrenti locali (l’area di Pernumia è tradizionalmente vocata alla produzione di asparagi, a cui vi si dedicano numerose aziende agricole anche organizzate in cooperativa), sono presenti altri produttori nelle aree tipiche per la coltivazione dell'asparago (veneto, trentino e altre regioni italiane produttrici però solo di asparago verde). Il vantaggio competitivo, oltre alla differenziazione di prodotto è costituito principalmente dalla qualità: garantita sia dalle differenti tecniche produttive che dalle caratteristiche del terreno.

Tecnologia e organizzazione

Per potersi mantenere competitiva sul mercato l’azienda ha investito in immobilizzazioni e soprattutto in impianti all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, appositamente adattati alle esigenze produttive aziendali.
L’informatizzazione delle attività aziendali riguarda prevalentemente la gestione della produzione in magazzino (controllo computerizzato di impianti e macchinari), e in minor parte la gestione della produzione in campo e la contabilizzazione dei fatti e delle attività. Di conseguenza l’azienda è riuscita ad aumentare la propria efficienza, facendo leva anche sulla variabile strategica prezzo.
Rifornire la GDO ha richiesto la capacità di evadere gli ordini dei clienti con ridottissimi lead time tra arrivo dell’ordine e partenza dal carico per la consegna. Questo e la maggior automazione hanno comportato la necessità di una puntuale programmazione della produzione in confezionamento. Risultato di questa maggior organizzazione aziendale è stato il miglioramento del livello di servizio reso ai clienti, grazie ad una maggiore flessibilità e capacità di gestione delle emergenze.

Filiera e reti

L’azienda, per soddisfare le esigenze dei propri clienti, vecchi e nuovi, ha dovuto aumentare continuamente la produzione propria su terreni in affitto, e saltuariamente integrarla con quella di altre aziende locali, da cui si rifornisce di prodotto grezzo da lavorare. Con queste aziende sono stati stipulati degli accordi e il prodotto viene liquidato in base alla qualità. Similmente, anche per quanto riguarda i fornitori di zampe di asparagi, il materiale di partenza, che proviene da vivaisti olandesi, viene concordato direttamente con essi un paio di volte l’anno, quando l’azienda visita i propri fornitori direttamente presso la loro sede. La buona affermazione sul mercato del marchio aziendale e il consolidamento delle relazioni commerciali con i clienti (GDO), ha permesso di instaurare con essi un rapporto di confronto, in cui alle richieste si sommano le proposte da parte dell’azienda, come ad esempio quella di nuovi formati di presentazione del prodotto (dal classico mazzo a peso variabile, alla vaschetta preconfezionata da 500 o 400 gr o alla cassetta per il libero servizio presso il punto vendita).

La strategia che sta portando avanti l’azienda è quella di mantenere le occasioni di fornitura alla GDO per un tempo più prolungato durante l’anno e non solo limitatamente al periodo degli asparagi. Vanno in questo senso l'inserimento nella produzione di radicchio rosso tardivo, zucchine e fagiolino cornetta.